CITTADIPUCCINI.IT
SITO DEDICATO ALLA CITTA' DI LUCCA
IT/RU
 
 
 
 
 
 

"In realtà, durante l’esibizione, il fastidio maggiore che può provare un artista è l'assenza di un pubblico al suo concerto"

 

“No, non penso di andare a un concerto. E perché dovrei? A casa ho tante registrazioni stupende e anche un impianto stereo molto buono e moderno!”

“Ho pensato di iniziare a far conoscere al mio bimbo la musica classica. Che dici, da quali opere è meglio cominciare”?

“Non capisco perché nessuno ha applaudito, in sala c’era un silenzio incredibile. Il pianista ha suonato benissimo! Ha aspettato un po’ e poi ha ripreso a suonare”.

“Non va bene andare a salutare l’artista dopo il concerto! È stanco. Vuole riposare dopo l’esibizione e noi lo disturbiamo! Non è bon ton!”

“Vorrei andare a ringraziare il pianista dopo il concerto nel suo camerino ma ho paura di disturbarlo! Non so se questa è una buona idea?”

Spesso sento questo tipo di domande e di riflessioni dai miei amici, dai colleghi o da altre persone su Internet. La prima esperienza di un concerto di musica classica dal vivo capita quasi a tutti, e può capitare in età diverse. Ed è un'evento molto bello e importante nella vita di ognuno di noi. Ed è ancora più bello se piano piano cominciamo ad approfondire le nostre conoscenze e a capire e ad amare questo tipo di musica.

Allora, vale la pena di andare dall’artista subito dopo il concerto se avete qualcosa da dirgli? Come capire quando va bene applaudire o quando è ancora troppo presto? E infine, perché almeno una volta nella vita bisogna andare ad ascoltare la musica classica in una sala da concerto e non limitarsi alle registrazioni anche se molto belle? Ho invitato a rispondere a tutte queste domande una famosa pianista russa, Ekaterina Mechetina. Ed Ekaterina ha gentilmente accettato, cosa per cui le sono molto grata.

Allora, qualche consiglio a un amante principiante di musica classica.

 

Marina: Ekaterina, perché non va bene limitarsi all’ascolto della registrazione di un’opera musicale ma bisogna andare ad ascoltarla anche nella sala da concerto?

Ekaterina Mechetina: La registrazione e il concerto sono due cose fondamentalmente diverse. La registrazione generalmente è una esibizione gestita dal tecnico del suono, fatta di numerosi piccoli pezzi ideali, privi di difetti. È così che oggi si fa una registrazione. Anche se la registrazione viene fatta direttamente in sala, perde lo stesso l’atmosfera che viene provata solo dal vivo. L’effetto è completamente diverso quando siamo in sala insieme alle altre persone, ascoltiamo e vediamo tutto in tempo reale, sentiamo l'energia della sala e dell’interprete, o degli interpreti se c'è l’orchestra o un complesso musicale. È una questione di scambio di energie, una cosa difficile da spiegare e semplice e piacevole da provare. Per questo motivo non farei paragoni tra il concerto dal vivo e l’ascolto di un CD. Sono due cose completamente diverse.

 

M: Con quali opere musicali meglio iniziare la conoscenza del mondo di musica classica?

- da bambini

- da adulti

EM: Un'ascoltatore adulto può scegliere da solo tra i compositori di cui conosce i nomi e ai quali è interessato. Per esempio, se sa chi è Mozart, allora può cominciare ad ascoltare la musica classica dalle opere di Mozart. Se sa chi è Ciajkovskij, può cominciare dalle opere di Ciajkovskij. Con quale opera di preciso? Non è tanto importante. Ora su Youtube c’è tanta scelta.

Con i bambini, invece, certamente bisogna cominciare da opere semplici. Non fateli ascoltare subito la musica del Ventunesimo secolo, e neanche del Novecento. Non è male cominciare con le opere armoniose, brevi e compatte. Va benissimo cominciare dalle opere di Mozart. È stupenda anche la cosiddetta musica classica popolare. Bach è un compositore assolutamente universale. Va benissimo far ascoltare ai bimbi la buona musica dei vecchi cartoni animati sovietici. Ad esempio, io da bambina adoravo le musiche del famoso cartone animato "I musicanti di Brema”. Molto bene far ascoltare ai bambini anche la musica che ha un nome: ad esempio “Il valzer dei fiori” di Ciajkovskij o qualcosa di simile che ha un nome preciso. Così il bambino capisce l’immagine che è emotivamente coinvolta in questa musica.

M: Cosa dà fastidio ad un artista durante la recita?

EM: Fondamentalmente, sono i suoi problemi personali. In un certo senso è un mito che l’artista possa essere disturbato da uno squillo del telefonino, da un colpo di tosse oppure da un bigliettino di guardaroba che cade sul pavimento. Nulla ci turba così tanto quanto la nostra personale incertezza, agitazione o qualche turbamento interiore. Ma possono dare fastidio le luci messe in un modo sbagliato, oppure lo strumento posizionato in modo errato sul palcoscenico. I telefonini ovviamente interferiscono, ma non è una cosa fatale. In realtà, durante l’esibizione, il fastidio maggiore che può provare un artista è l'assenza di un pubblico al suo concerto.

M: Come capire quando è tempo applaudire e quando non vale la pena di farlo?

EM: Se lei è una persona timida e ha paura di dar fastidio ad un artista anche con un brevissimo applauso, allora meglio aspettare quando cominciano ad applaudire gli altri, oppure quando il pianista finisce di suonare e si alza per un inchino, il direttore d’orchestra abbassa le braccia ed è ovvio che l’esibizione è finita. Seguite gli altri ascoltatori in sala.

M: Quand'è che gli applausi danno fastidio?

EM: Dal mio punto di vista danno fastidio solo quando avvengono a metà di un'esecuzione. Non intendo le parti di un’opera, anche se a volte anche questo tipo di applausi possono lo stesso dare fastidio all’interprete. Ma stiamo cominciando ad essere abituati agli applausi in questi momenti. Ma se gli applausi avvengono all'interno del brano, ad esempio al momento di una pausa o di una corona, quando la frase musicale non è ancora finita, in questo caso danno fastidio davvero. Ma abbiamo imparato a far capire al pubblico con la gesticolazione o con gli altri mezzi espressivi che non è ancora la fine di un'esecuzione ma semplicemente una pausa semantica.

M: Quali posti nella sala sono più belli dal punto di vista visivo e acustico?

EM: Dipende dalla sala. Dal punto di vista visivo la scelta è semplice: basta vedere la sala dove viene fatto il concerto. Dal punto di vista acustico è difficile generalizzare: dipende dalla sala vera e propria. Conosco abbastanza bene le sale di Mosca, ma per quel che riguarda le sale delle altre città russe dove sto solo sul palcoscenico e non in sala come ascoltatore, non posso dire nulla. Di solito chiedo alla gente del posto.

M: Vale la pena di aspettare l’artista dopo lo spettacolo per prendere l’autografo, scambiare qualche parola, ringraziare?

EM: Non so perché ma al momento questa domanda è molto popolare. Credo che si possa e si debba avvicinarsi all’artista anche se personalmente non lo conosci. All’artista fa sempre piacere. La gente spesso ha paura di dar fastidio. Mi pare che in questo caso sia proprio la gentilezza a farvi capire come non essere inopportuni. È vero, spesso dopo il concerto l’artista è molto stanco ma le forze per parlare con il pubblico le trova sempre. Certamente ci sono anche le eccezioni. Ad esempio se per l’artista il concerto è andato male, lui si chiude a chiave nel suo camerino e non avrà voglia di parlare con il pubblico. In questo caso è logico rispettare la sua scelta. Ma in genere noi siamo contenti di vedere il pubblico dopo il concerto ed avere un feedback.

M: Ekaterina, tra gli ascoltatori ci sono anche quelli per cui urlare “bravo!” è maleducazione. Io personalmente trovo abbastanza strano questo parere. Lei cosa ne dice?

EM: È una sciocchezza! Se vi è piaciuta l’esibizione, urlate "bravo!" ad alta voce! È ancora meglio se lo fate in piedi :-))))

 

Marina Nikolaeva/ Mosca, marzo 2018
foto di Vadim Shulz

 
 
Copyright (c) 2015-2018 Cittadipuccini.it All rights reserved.